Un mistero e molte ipotesi

Ampie linee geometriche e simmetriche, visibili soltanto dall’alto a volo d’uccello, si snodano per un raggio di molti chilometri nel terreno, dise­gnando delle forme che a volte possono essere identificate con piante o animali, arbusti, scimmie, lucertole e uccelli stilizzati. La studiosa tedesca Maria Reiche, ormai novantenne, ha dedicato tutta la vita alla conservazione e all’interpretazione di quei misteriosi segni, arrivando alla conclusione che il complesso veniva usato dai sacerdoti nazca come un calendario cosmologíco religioso che rispecchiava le costellazioni del cielo.

Le teorie del-la Reiche non sono accettate da tutti gli archeologi, ma finora nessuna delle tante altre ipotesi si é rivelata altrettanto valida. Mochica che sono i primi ad avere una struttu­ra statale di tipo militare si sono insediati nella regione settentrionale del Perú, costruendo piramidi monumentali di adobe nella regione di Cerro Purgatorio e di Cerro Blanco, tra montagne brulle che si affacciano sulla costa. Gli scopritori delle 26 piramidi, alte fino a 70 metri e che a prima vi­sta non sembrano altro che colline fangose, sono stati Thor Heyerdahl, il leggendario navigatore del Kon Tiki che attraversó l’Oceano alta ricerca dell’Isola di Pasqua e l’archeologo peruviano Walter Alva, il quale aveva esplorato negli anni Ottanta la favolosa necropoli dei Moche a Sipán, trovando i piú ricchi corredi funerari di tutte le regioni andine.

La cultura mochica si é distinta per la sua ceramica fantasiosa, fatta di vasi scultorei che raffigurano esseri antropomorfi, ritratti umani e scene di vita quotidiana e familiare, tra cui sono presenti numerose immagini erotiche atti di copula, onanismo, feticismo di sorprendente realismo. La civiltá Moche fiorisce tra il I e il V secolo d.C. e viene annientata dai guerrieri Huari provenienti dalle inaccessibili montagne della Cordigliera. In quell’epoca nascono le prime stutture urbane a scacchiera, cittá fortificate da mura imponenti come Pikillaqta, e insieme appare per la prima volta l’immagine del «dio-creatore» o «dio piangente» Viracocha che in seguito verrá accolto nel pantheon degli déi Inca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading...

Continuando, accetti di utilizzare i cookie per offrire contenuto e pubblicità mirata su misura per i tuoi interessi e attuare misure per migliorare la tua esperienza sul sito. Per ulteriori informazioni e gestire le impostazioni, Clicca qui.

Per migliorare la tua esperienza su peruparadisetravel.com, utilizziamo i cookies per conoscere le tue abitudini di navigazione e offrirti contenuti adatti ai tuoi interessi.

Close