Info e consigli di viaggio per Nasca Peru’.

Linee di Nasca.

Extratterestri in Peru’.

Pianure di San José, a 25 km dalla città di Nasca (15 minuti), all’altezza del km 419 della Panamericana Sud.

Enorme rete di linee e di disegni di animali e di piante attribuito alla cultura Nasca che ricopre un’area di circa 350 km2 . Alcune delle figure riuscite meglio sono quelle del colibrì, del cane, della scimmia, del chaucato (uccello tipico), ecc.

La studiosa tedesca, Maria Reiche, dedicò 50 anni allo studio e alla ricerca e arrivò alla conclusione che si trattò di un calendario astronomico. Dalla piattaforma, alta 12 metri, si possono osservare parzialmente le figure della mano e dell’albero. Comunque, per poter ammirare i disegni nella loro dimensione totale si deve sorvolare la zona su un veivolo. Le Linee di Nasca sono state dichiarate Patrimonio Culturale dell’Umanità nel 1994.

Nasca: Centro Ceremoniale di Cahuachi.

A 30 km a occidentale della città di Nasca (30 minuti).

Insieme di piramidi tronche in mattoni di adobe costruite dai nasca. Si distingue un patio e un’ampia terrazza con recinzioni coperte; in cima ai templi più grandi furono ritrovate le grandi stanze con decine di colonne. La maggior parte di.

Dopo un viaggio di 20 minuti, 17 chilometri al Nordovest, partendo da Nazca, si arriva a questo antico centro religioso della cultura Nazca, formato da grandi piazze, cimiteri e due piramidi di adobe duramente maltrattate dall’azione del tempo. Molto vicino troviamo Estaquería, un’altra edificazione della summenzionata civiltá, che si presume anche essa fu un centro cerimoniale, e del quale sono conservati alcuni pali di carrubo che demarcano quello che si suppone era una plataforma.

Acquedotto di Cantalloc.

Gli abitanti dell’antica civiltá Nazca costruirono una grande quantitá di canali che permisero di irrigare enormi estenzioni di terreno.Alcuni di questi, nonostante la loro antichitá, continuano ad essere usati. Degli oltre trenta acquedotti nazca ancora esistenti, uno dei piú visita-ti b Cantalloc, ubicato a 4 chilometri dalla cittá di Nazca, in direzione alla strada statale Puquio – Cusco. I buchi o fori che si osservano in questo canale permisero al loro utenti di controllare l’acqua e di pulirla.
II lavoro d’ingegneria idraulica é sorprendente. Le gallerie sotterranee catturavano le filtrazioni dell’acqua del sottosuolo, e le trasportavano attraverso canali leggermente inclinati verso le pozze da dove erano

controllate le irrigazioni. Gli acquedotti furono costruiti con materiali della zona come ad esempio ciottoli, pietre piane e «huarango», un albero tipico iqueño.

I misteriosi occhi d’acqua che hanno dato vita alla cultura Nazca.

La polverosa e desertica terra di Ica, sulla costa meridionale del Perù, è stata la culla della cultura Nazca, i cui abitanti costruirono chilometri di acquedotti sotterranei più di mille anni fa, che ora il governo peruviano vuole riportare al loro antico splendore.

La polverosa e desertica terra di Ica, sulla costa meridionale del Perù, è stata la culla della cultura Nazca, i cui abitanti costruirono chilometri di acquedotti sotterranei più di mille anni fa, che ora il governo peruviano vuole far rivivere.

«Si tratta di un modello tecnologico estremamente importante, perché qui abbiamo costruzioni che risalgono a un periodo compreso tra il 300 e il 500 d.C., il che significa che esiste una tecnologia di 1700 anni fa che ha funzionato e che funziona ancora oggi», ha dichiarato a Efe Alberto Martorell, direttore dell’Ufficio Cultura di Ica, in merito agli acquedotti di Cantalloc.

Il sottosuolo di quest’area è ricco di reti idriche sotterranee, la maggior parte delle quali ancora attive, che irrigano le colture e le palme nella verde vallata che spicca nell’arido paesaggio circostante.

«La risorsa idrica è stata utilizzata in modo brillante in un’area desertica, permettendo a una cultura importante come quella dei Nazca di prosperare in condizioni che, se non avessero sviluppato questa risposta, non sarebbero esistite», ha osservato Martorell.

Gli acquedotti raccolgono e convogliano l’acqua delle Ande, dei fiumi e delle sorgenti vicine, attraverso gallerie che affiorano nelle aree coltivate o che rimangono nel sottosuolo.

«Questo uso ancestrale del territorio viene mantenuto. La tecnologia ci permette di conoscere il livello di avanzamento di questa complessa opera di ingegneria», ha dichiarato Martorell durante la visita al centro archeologico.

Quando questo popolo trasportava l’acqua in canali esterni, comportava l’estrazione della falda freatica (accumulo di acqua sotterranea a una profondità relativamente bassa sotto il livello del suolo) in superficie, operazione che per gli archeologi è complessa.

Gli «Ojos de agua» (occhi d’acqua)

Il centro archeologico degli acquedotti di Cantalloc, situato a soli 4 chilometri dall’attuale città di Nazca, è costituito da una ventina di bocche a forma di spirale, profonde circa sei-sette metri, che si collegano tra loro e permettono di vedere, sentire e percepire la presenza della preziosa acqua.

«La funzione di queste bocchette è fondamentalmente quella di fornire luce e ossigeno alle gallerie sotterranee per garantire un flusso d’acqua costante e omogeneo», ha dichiarato a Efe l’archeologo Abdul Yalli, del sistema di gestione di Nazca e Palpa dell’Ufficio Cultura di Ica.

Yalli ha aggiunto che questi suggestivi occhi d’acqua vengono utilizzati anche per l’ingresso e la manutenzione della rete di acquedotti.

Ma lo scopo delle bocchette non era solo pratico: il mistero che circonda le famose linee di Nazca, che possono essere apprezzate in tutta la loro magnificenza solo dall’alto, permea anche quest’opera di ingegneria.

Con così tante pozze d’acqua consecutive, a volte distanti solo un metro l’una dall’altra, è chiaro che venivano utilizzate per qualcosa di più della semplice manutenzione e ossigenazione dell’acqua.

«Una cultura così legata al bisogno di acqua doveva considerare l’acqua come un elemento sacro», ha detto Martorell, spiegando che non è ancora chiaro a cos’altro servissero queste bocchette, ma potrebbero aver avuto scopi rituali.

Una cultura così legata al bisogno di acqua doveva considerare l’acqua come un elemento sacro», ha detto Martorell, spiegando che non si sa ancora con certezza a cos’altro servissero questi respiratori, ma potrebbero essere serviti per scopi rituali.

«La società nazca era una cultura teocratica», ha aggiunto Yalli, indicando che si trattava di un popolo che guardava molto «verso l’alto», come dimostrano le linee realizzate, la cui origine e funzione è anch’essa legata al culto delle divinità.

Oltre ad avere uno sviluppo molto avanzato della tecnologia idraulica, questa cultura, che abitò l’attuale territorio del Perù dal I al VII secolo, si caratterizzò anche per la lavorazione della ceramica policroma e dei tessuti.

Valorizzazione del sito archeologico

«Nella valle di Nazca ci sono 29 acquedotti, 20 in discreto stato di conservazione e gli altri sono praticamente scomparsi a causa dell’espansione urbana», ha detto Yalli.

L’archeologo ha aggiunto che «molti acquedotti sono stati danneggiati in modo irreversibile, e in altri mancano interventi di manutenzione e pulizia per ripristinarli».

«Per la sua età, il livello di sviluppo tecnologico e ciò che rappresenta per l’ingegneria idraulica da tempi così remoti, è uno dei siti che lo Stato peruviano ha incluso nella lista provvisoria, cioè che sarà presentata per diventare patrimonio dell’umanità dell’UNESCO», ha detto Martorell.

Il gruppo privato AJE e l’Associazione Internazionale Maria Reiche (una fondazione che porta il nome della più famosa studiosa delle Linee di Nazca) si sono uniti alla missione di promuovere questa conoscenza ancestrale.

Per ottenere questo riconoscimento internazionale, l’impegno pubblico-privato intraprenderà un percorso che prevede il proseguimento delle ricerche, la prosecuzione dei lavori di bonifica e la divulgazione dell’importanza e dell’audacia di un’opera ingegneristica che ha dato vita al popolo di Nazca.

Info e consigli di viaggio per Nasca:

Suggerimenti per la sicurezza:

Nazca è una delle regioni più importanti del Perù per il suo patrimonio storico, culturale e naturale. Nazca dispone di un’ottima infrastruttura turistica, anche se questo non significa che si possa andare in giro senza preoccupazioni, dato che, purtroppo biosgn asempre teenre d’occhio le propie cose pe rnon dare modo a qualche malintenzionato la possibilita’ di rubarVi qualcosa.

Per questo motivo, vi consigliamo di fare attenzione ai vostri effetti personali e di rimanere nelle zone turistiche della città, dove l’afflusso di viaggiatori è maggiore e la sicurezza nazionale è più responsabile. Tuttavia, non vogliamo spaventarvi evidenziando questo aspetto, ma mostrarvi una spiacevole realtà dei viaggi all’estero.

Questo non significa che possa accadere a voi o che stiate viaggiando in un Paese altamente insicuro, al contrario, sono solo precauzioni. In caso di inconveniente, esistono agenzie governative specializzate nel turismo, pronte ad assistervi per ogni evenienza.

La Polizia Turistica è un’altra branca della sicurezza nazionale che assiste i viaggiatori stranieri, anche se è più probabile trovarla nelle grandi città che nelle aree più rurali e remote del Paese. Potrete riconsocere questo tipo di polizia dal cordone bianco sulla divisa.

Quali sono i numeri di emergenza in Perù?

In caso di emergenza o eventualità, ricordate che se viaggiate con noi, vi verrà assegnato un assistente di viaggio che potrà aiutarvi 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Tuttavia, è assolutamente utile conoscere i numeri di emergenza nazionali:

– Linea di emergenza e sicurezza: 911

– Stazione di polizia: 105

– Polizia stradale: 110

– Protezione civile: 115

– Vigili del fuoco: 116

– Croce Rossa: 01 266 0481

È necessario acquistare un’assicurazione di viaggio?

È meglio averla e non averne bisogno, che averne bisogno e non averla. Sebbene la maggior parte dei viaggiatori scelga di non acquistare un’assicurazione di viaggio, riteniamo che dovrebbe essere obbligatoria per chiunque intenda viaggiare al di fuori del proprio Paese.

L’assicurazione di viaggio non copre solo i problemi medici, a seconda del piano scelto, ma può anche includere lo smarrimento del bagaglio, la cancellazione del viaggio, il furto di documenti e carte bancarie e persino i costi di rimpatrio.

Valuta locale e cambio di denaro

Il Nuevo Soles è la moneta locale del Perù; le banconote sono disponibili in tagli da 200, 100, 50, 20 e 10. Mentre le monete sono disponibili in unità di 5, 2, 1, 0,50, 0,20 e 0,10.

È possibile cambiare denaro quasi ovunque in Perù, ma si consiglia di farlo presso un ufficio di cambio affidabile (chiedere al proprio agente di viaggio) e di evitare i cambiavalute di strada, poiché non è consigliabile maneggiare denaro per strada e inoltre rifilano banconote false.

È possibile utilizzare qualsiasi bancomat in Perù, tutti accettano Visa, Mastercard e American Express, con la Visa che è la carta più utilizzata nel Paese. Prelevare denaro in Perù è molto facile, alcuni bancomat consentono di prelevare anche dollari e soles.

Si prega di notare che il tasso di cambio può variare a seconda delle banche del Perù e di quelle del vostro Paese di residenza (possono essere applicate commissioni di transazione). Dollari ed euro sono accettati in tutte le agenzie di cambio e le banche del Paese. Tuttavia, altre valute potrebbero non essere accettate, anche se non è impossibile.

Se volete cambiare una valuta diversa, assicuratevi di farlo a Lima o a Cusco, dove ci sono più viaggiatori stranieri. Tuttavia, vi consigliamo di portare con voi dollari o euro per il vostro viaggio, perché qui è più facile cambiarli.

Cosa mettere in valigia per Nazca?

La regione di Nazca è fortemente caratterizzata da due stagioni stazionarie. Tuttavia, le condizioni climatiche in questa parte del Paese sono molto particolari: le probabilità di pioggia sono quasi nulle, anche se l’umidità può raggiungere l’82%. Se viaggiate in estate, ecco cosa mettere in valigia

Abbigliamento leggero. Le temperature possono superare i 27°C in questo periodo dell’anno.

Proteggetevi dal sole. Applicare la protezione solare ogni 40-50 minuti e indossare occhiali da sole e cappello.

Portate un paio di scarpe da corsa o scarpe comode. Se state pianificando una giornata di escursioni, questi prodotti devono assolutamente essere presenti nella vostra lista di bagagli.

Costumi da bagno. Nazca è una città balneare, non vorrete certo perdere l’occasione di fare il bagno nell’oceano.

Tenete presente che durante l’estate di Nazca, il resto delle regioni deve affrontare un’estate piovosa, soprattutto Cusco e la giungla peruviana.

Viaggiare in inverno? Ecco cosa vi serve:

Vestiti caldi. Anche se a Nazca non sono previste piogge e le giornate sono per lo più soleggiate, assicuratevi di tenervi al caldo durante il vostro soggiorno.

Portate con voi una giacca leggera. L’umidità di Nazca rende le cose più fredde del solito.

Pianificate il vostro viaggio in base ai vostri interessi…

Come abbiamo già detto, Nazca è una delle destinazioni di viaggio più popolari in Perù, quindi è consigliabile pianificare il viaggio in anticipo in modo da poter fare tutto ciò che si desidera senza alcuna eventualità.

Tuttavia, è necessario sapere in quale stagione di viaggio si arriva per poter vivere un’esperienza ottimale nel nostro Paese.

Alta stagione: si svolge tra maggio e ottobre, in pratica durante l’inverno secco del Perù. Le opzioni di alloggio, le escursioni, i trekking e le altre attività tendono a esaurirsi rapidamente, quindi vi invitiamo a prendere precauzioni e a organizzare tutto in anticipo.

Bassa stagione: inizia a dicembre e termina verso aprile. Si svolge durante i mesi più piovosi dell’anno. Tuttavia, a causa della scarsa domanda, potrete trovare prezzi più convenienti negli hotel e nelle escursioni.

Se state pensando di visitare le attrazioni di Nazca senza la folla, la bassa stagione fa al caso vostro. D’altra parte, il tempo non sarà un problema se viaggiate tra dicembre e aprile…sulal costa saremo in piena estate e avremo poco flusso turistico.

Siamo consapevoli che ci sono molte cose da tenere in considerazione quando si viaggia all’estero, ma se volete rendere le cose ancora più semplici, la soluzione potrebbe essere l’assunzione di un tour operator qualificato. Lasciate il vostro viaggio nelle mani di specialisti disposti a curare ogni minimo dettaglio del vostro itinerario e darVi modo di Vivere a pieno il Vostro viaggio.

Un’agenzia di viaggi locale Vi toglierà sicuramente un peso dalle spalle. Siamo qui per fornirvi tutto ciò di cui avete bisogno per vivere un’esperienza autentica in Perù. Vi aiuteremo a organizzare l’itinerario di viaggio perfetto in modo che non dobbiate preoccuparvi di nient’altro, se non di divertirvi.

Peru Paradise Travel si preoccupa di garantire la sicurezza e il comfort durante il viaggio. Sedetevi e rilassatevi mentre ci occupiamo di tutta la logistica del vostro viaggio e iniziate a pianificare la vostra vacanza da sogno con noi!.

Loading...

Continuando, accetti di utilizzare i cookie per offrire contenuto e pubblicità mirata su misura per i tuoi interessi e attuare misure per migliorare la tua esperienza sul sito. Per ulteriori informazioni e gestire le impostazioni, Clicca qui.

Per migliorare la tua esperienza su peruparadisetravel.com, utilizziamo i cookies per conoscere le tue abitudini di navigazione e offrirti contenuti adatti ai tuoi interessi.

Close