Chiclayo

Pagine: Precedente 1 2 3

Attrazioni fuori della cittá di Chiclayo: La Riserva Nazionale Archeologica ed Ecologica di Pomac

A 36 km. da Chiclayo, presso la valle del fiume Leche, si trova questa riserva formata da un gruppo di edificazioni monumentali a forma di grandi piattaforme sollevate e nel deserto litoraneo del settentrione si trova la Foresta di Pomac, antico centro politico e religioso della civilta’ Lambayeque, o Sican (700-1300 d.C.).

Questa foresta attualmente e’ parte dell’ area naturale protetta di Batan Grande, che si estende per oltre 7000 ettari, nella quale e’ possibile ammirare pappagalli, picchi ed altri uccelli tipici della zona. Inoltre sono presenti in abbondante quantita’ iguane, volpi, gatti selvatici e formichieri. Per penetrare la foresta si possono fare escursioni a piedi o a cavallo. Gli agricoltori della zona hanno intrapreso una grande campagna in favore della conservazione integrale della foresta e delle varieta’ animali e vegeteli che in essa vivono.

Attrazioni fuori della cittá di Chiclayo: Lambayeque

Situata a 12 km da Chiclayo, Lambayeque è un paese conosciuto come la “culla della Libertà in Perù”, poiché fu in questo posto che si proclamò l’indipendenza del paese, il 27 dicembre del 1820. Posside delle belle case di stile coloniale, ampi patii, grandi balconi e delle finestre con delle inferriate in ferro battuto; tra queste da ricordare la Casa Cuneo, la Casa Descalzi e la Casa della Logia, quest’ultima ha un balcone in legno rossiccio di 400 anni fa, lungo 67 metri, il balcone più lungo del Perù.

La chiesa di San Pedro, costruita nel XVI secolo, è a tre navate e possiede un coro in cedro levigato e altari laminati in oro, tra i quali degno di nota quello della Vergine de Las Mercedes.

Museo Archeologico Brüning

Uno dei più importanti della zona nord del paese, ospita la collezione di oggetti archeologici dell’etnografo e linguista tedesco Enrique Brüning. L’edificio fu inaugurato nel 1966 e sui suoi quattro piani sono esposti pezzi di oro, argento e rame appartenenti alle diverse culture che sorsero nella regione più di 4000 anni fa. Da notare la Sala d’Oro, che conserva una delle più importanti collezioni di oreficeria in America, con opere d’arte che includono i pezzi trovati nelle Tombe del Signore di Sipán.

Attrazioni fuori della cittá di Chiclayo: Parco Nazionale di Batan Grande

La zona riservata di Batan Grande venne stabilità il 16 ottobre nella dipartimento de Lambayeque in provincia di Ferregnafe, comune di Pitipo con un area di 13400 hettari.

In batan grande troviamo il bosco più grande della costa peruviana con uan svariata verietà del famodo albergo di Algarobbo del genere prosopis.

In questa zona riservara troviamo l’area denominata Pomac, zoan che guarda chiare evidenze di occupazione pre-ceramica di 5000 A.C.  e del periofo formativo 1000 A.C.

I valori culturali della zona, cosi come gli importanti resti archeologici da rendere la zona di grande interesse turistico. Per salvaguaradare questo patrimonio, l’stituto di cultura peruviano I.N.C. ed attraverso il Museo Bruning lavorano in forma cordinata con le comunità locali e altre istituzioni in uno specifico programmaper proteggere il Patrimonio Culturale.

Batan Grande risulta essere un grande complesso archeologico, attirando la attenzione di molti studiosi già da inizio secolo. Durante gli ultimi 2 decenni la zona Pomas è stata oggetto di importanti studi, confermando le radici della cultura Sican.

In questa zona di lambayeque troviamo anche vestigia di grnad eimprotanza di altre culture, ancora prima di quelle Inka; tra le tante risalta in modo particolare la zona del signore di sipan.

Vale davvero al pena iniziare un viaggio dal nord per poi raggiungere le culture inkas nel sud del paese.

Attrazioni fuori della cittá di Chiclayo: Pimentel

Ubicata a 14 km. da Chiclayo, Pimentel e’ lo stabilimento balneare piu’ attraente della zona, ideale per gli sport acquatici come il surf. A sud del litorale si puo’ osservare come i pescatori del luogo fabbricano i “caballitos de totora”, tipiche imbarcazioni di una particolare paglia, chiamata, appunto totora, di antichissima origine, usate per la pesca in mare, la cui tecnica ancestrale di fabbricazione si mantiene inalterata da tempi immemorabili.

Attrazioni fuori della cittá di Chiclayo: Santa Rosa

A PESCA IN SANTA ROSA – CHICLAYO

Si effettua lungo l’esteso litorale marittimo in due modi differenti; la pesca dalla riva, su spiaggia o su scoglio, e quella su un’imbarcazione. In Perù la pesca su spiaggia è quella più diffusa. Specie come la sogliola, la corvina e l´orata costituiscono le prede più appetibili sulle spiagge sabbiose del litorale centrale e meridionale. A nord, nei dipartimenti, la pesca della spigola e dei pampanitos sono i trofei più pregiati. La pesca di scoglio, a sua volta, si realizza lungo tutta la costa, e unico requisito sono le coste accidentate e molti scogli. Le prede più frequenti sono l´orata, la cabrilla, il cherlo, il tramboyo e la pintadilla. Per entrambi i modi si impiega in genere come esca piccoli crostacei che vivono sulla sabbia – conosciuti localmente con il nome di “muy muy” – machas e chiocciole.

La pesca su imbarcazione ha due grandi varianti: il pinteo o pesca con una barca ferma, e il trolling o pesca con la barca in movimento. Le prede ottenute con il pinteo sono – sulla costa centrale e meridionale – le stesse che si ottengono con la pesca da scoglio, e in più, sulla costa settentrionale, il grongo, la cernia e il toyo. Il trolling, al contrario, si effettua soprattutto sulla costa settentrionale con l’utilizzo di esche artificiali e si pescano specie di tonni, cherelas, anguille, sierras, plumas, pericos e merlini.

Attrazioni fuori della cittá di Chiclayo:Il Complesso Archeologico di Sipán

Attualmente e dopo esser stati esposti in diversi paesi di America, Europa e Asia i resti del Signore di Sipán riposano in un museo costruito proprio per lui. Il Museo Tombe Reali di Sipán.

Il Museo

Il Museo Tombe Reali di Sipán è situato nella città di Lambayeque, a 10 minuti a nord della città di Chiclayo, nel dipartimeto e nella provincia di Lambayeque, su una superficie di 7,4 ettari. Somiglia a una piramide tronca formata da cinque prismi che si sostengono su piani inclinati. Ogni prisma ha una riproduzione degli stendardi ritrovati nella Tomba del Signore di Sipán. I colori rosso e giallo ricordano i colori ocre che usavano i moche nelle loro decorazioni.

Il proposito del museo è quello di ricreare lo spirito dei templi di questa cultura, utilizzandolo sia come museo sia come mausoleo dove riposano il Signore di Sipán e i suoi accompagnatori. È stato inaugurato l’8 novembre 2002 ed è uno dei musei con una delle attrezzature più sofisticate della regione.

Indirizzo: Av Juan Pablo Vizcardo y Guzmán s/n. Lambayeque
Orario di apertura: Dal martedì alla domenica, dalle 9.00 alle 17.00.

Attrazioni Turistiche della Città Chiclayo Monsefu

La tradizionale cittadina di Monsefú, 16 km a sud-ovest, merita una visita. La città della musica è famosa a livello nazionale, e ci sono molte orchestre popolari. E ‘noto anche per l’artigianato e ha un buon mercato sulla Avenida Venezuela, quattro isolati dalla piazza, il quele offr ei famosi cappelli di paglia e lavori di cucito e bordato davvero straordinari. Vedi anche locale festival sotto Chiclayo. Feria de Monsefú, alla fine di settembre, ha bancarelle intorno alla piazza di vendita artesanía, pane, giocattoli ecc. ecc. La festa principale in Monsefù si esegue il 20 luglio e si chiama fexticum; molti artigiani delle regioni circostanti offrono i loro tipici prodotti ed’una cucina tipica locale molto saporita.

Attrazioni Turistiche della città di Chiclayo Batan Grande: Huaca dell’ Oro

A solamente 15 minuti di viaggio in macchina, 18 chilometri al Nordest di Ica, si puó osservare un vecchio canale d’irrigazione Inca. Racconta la tradizione che al tempi dell’Inca Pachacútec, 11 suo successore Túpac Yupanqui commandó personalmente la conquista di queste valli e rimasse profondamente innamorato di Chumbillalla, figlia del “curaca” (cacicco)locale. L’affetto tra i due evitó 11 confronto armato.

Allora, la giovane comunicó l’emissario circa la sofferenza della sua cittá per la scarsltá di acqua. Davanti a questa sltuazione, l’Inca invió immediatamente 40.000 uomini per costruire un grande canale che avrebbe raggiunto i 30 chilometri, e possibifitando cosí l’irrigazione di circa 11.000 ettari di coltivazioni. Quel canale é quello che oggi si conosce come l’Achirana dell’Inca.

Un Mochica Nato Nella Lontana Germania

Nel 1965, il tecnico Armin Büllow arrivo’ dalla Germania verso l’allora sterile terra Lambayequana per costruire il serbatoio di Tinajones. Non pensava che durante questa avventura professionale avrebbe conosciuto una bella Ferreñafana, che sarebbe stata la madre dei suoi tre figli. Da allora, l’attuale console tedesco a Chiclayo passo’ dall’essere cittadino della citta’ di Berlino a figlio prediletto della regione di Lambayeque. Era cosi’ stretto il suo rapporto con Chiclayo che chiese al governo del suo paese di cambiare la sede del consolato teutonico da Trujillo alla Capitale dell’Amicizia.

E i tedeschi non si sbagliarono nella scelta, perché per sette anni, lui ha assunto la carica di console, diventando uno dei personaggi più amati per il lavoro sociale svolto a beneficio di centinaia di bambini, che ha adottato come figli, in diversi villaggi poveri della provincia di Chiclayo. Il lavoro filantropico di Büllow non aveva limiti. Con i suoi soldi, il sostegno di alcuni amici, il sacrificio e l’appoggio incondizionato di sua moglie Elvira, da cinque anni, aiuta dando la prima colazione e l’istruzione a 85 bambini poveri di Monsefú che lo hanno ripagato dimostrando alto rendimento scolastico e talento sportivo.

Senza nessun interesse personale, nelle scorse settimane, il console tedesco, ha potuto far operare 106 bambini con labbro leporino e problemi al palato. “Il nostro compito e’ quello di portare gioia e sorrisi a centinaia di bambini che sembrano non avere alcuna speranza di miglioramento”, ha dichiarato. Non si creda che l’affetto per l’antica terra Mochica non sia ricambiato. I cittadini di Chiclayo hanno espresso il loro apprezzamento per il suo sostegno alla rivalutazione della cultura Lambayequana. Una delle sue opere migliori è stata la gestione dei fondi per rimodellare il Museo Bruning di Lambayeque, che ora puo’ riceve tanti visitatori quanti quelli che visitano i musei di Sipán e Sican.

Fedeli alla loro abitudine di raggiungere le zone rurali, Büllow e sua moglie hanno recentemente aperto un parco giochi vicino al nuovo museo di Chotuna. Quest’anno, i coniugi hanno nei loro piani l’espansione dei loro aiuti, anche se dovranno investire la pensione che hanno ricevuto per venti anni di duro lavoro in una società di costruzioni. Senza dubbio, alcuni cittadini Chiclayani hanno iniziato a gestire un riconoscimento per questo cittadino tedesco, che assomiglia sempre più ad un discendente della cultura Mochica perché lavoro per l’istruzione, la salute e il benessere della regione di Lambayeque.

Ventarron :: Culla Della Cultura Nord-Peruviana

In meno di un anno di scavi, la collina di Ventarron ci ha rivelato 4.500 anni, che sono quelli ha il templio scoperto recentemente, il 6 giugno, dall’archeologo Ignacio Alva, che ha definito questo costruzione “Templio Incontaminato” della regione di Lambayeque.

L’edificio, uno dei più antichi del Perù, secondo il suo scopritore, è da considerarsi la culla della cultura della grande regione di Lambayeque. Con circa 20 metri di lato, appartiene al periodo Pre-Ceramico Arcaico (15.000 A.C.– 2.000 A.C.) e che fa parte della prima delle tre fasi di costruzione di una grande piramide. A differenza di altre strutture pre-ispaniche, il templio di Ventarron non è fatto di pietra, ma di argilla. Al suo interno si può vedere un murales che riproduce un disegno in rilievo di due pesci che s’incrociano, disegno fatto di terra e fibre vegetali, una rappresentazione che, secondo Alva, “…ha quasi la stessa tecnica e dimensioni delle “Manos Cruzadas”, delle rovine di Kotosh, di circa 4.000 anni fa e che furono scoperte nella regione centrale di Huanuco. ”

IL CULTO DEL FUOCO
Gli elementi decorativi del templio sono stati trovati vicino ad un altare circolare per il culto del ‘sacro fuoco’, dove si bruciavano offerte sacrificali. Questa pratica religiosa risale alla Preistoria e riguardava la produzione, la semina e la fertilità della terra. ‘Non a caso, dichiara Ignacio Alva, i primi risultati degli scavi nel sito archeologico hanno rivelato che gli antichi abitanti di Ventarron erano strettamente legati alla coltivazione del cotone e ad un sistema di scambio e di produzione di reti in fibra.’ Un altro aspetto da evidenziare è costituito dall’altare e dalla sua forma circolare, che senza dubbio si riferisce al culto del sole praticato dai Monche, le persone che abitavano la regione. Quest’ultimi, come gli Incas, utilizzavano, per rappresentarlo, un grande disco d’oro circondato da raggi, che adoravano in templi ricoperti di oro.

IL CULTO DELLA FERTILITA’
Secondo Ignacio Alva, figlio di Walter Alva, l’archeologo Peruviano che ha scoperto la tomba del Signore di Sipan, esistono prove archeologiche che il templio di Ventarron faceva parte di un nucleo religioso. L’archeologo ci riferisce che le decorazioni dei pesci sono di particolare interesse poiche’ sono associate a simboli di fertilita’. Fertilita’ che, secondo il ricercatore Peruviano Santiago Uceda Castillo, tra i Moche, si manifestava attraverso due modalita’: la fertilita’ del terreno come garanzia per lo sviluppo economico della societa’ e la fertilita’ delle altre attivita’ sociali per la riproduzione dei capi e della loro procreazione. Le rappresentazioni dei pesci e delle reti scoperti in uno scavo precedente danno all’architettura di Ventarron una caratteristica particolare. Questi disegni, ci spiega Ignacio Alva, riflettono l’economia di quel tempo, il desiderio di lasciare il segno della tradizione locale e dello stile della cultura Pre-Ceramica Arcaica, come quelli di Kotosch o della cittadella di Caral, situata a 160 km. a nord di Lima.

LE PRIME DUE FASI
Gli scavi archeologici di Ventarron, sono iniziati nel mese di agosto del 2007 in seguito al ritrovamente di resti di alcune ceneri di fuoco risalenti al 2.000 A.C. che hanno alimentato il sospetto che a Ventarron si potesse conservare qualcosa d’importante.
Nella seconda fase si e’ lavorato alla costruzione del templio, vecchio di 4.000 anni, costituito da pareti curve, facciate di coloro rosso, bianco e verde e disegni apparentemente dal significato rituale, come ad esempio un cervo catturato in una rete. Inoltre, nel templio risiede un altare dedicato al culto del fuoco e lo scheletro di un pappagallo con un collare. Il resto di questo primo piano, che è situato in basso rispetto all’entrata, non si conosce totalmente poiche’ risulta essere sepolto sotto le pareti del piano superiore che nel tempo a seguido di crolli si sono sovrapposte. Gli studiosi sperano di aprire al pubblico quest’opera la prossima estate con il sostegno della cooperazione francese.

Cambio Euro, Dollar, Soles

All’ingresso dal banco continental ” seduto” in avenida balta 651 trovare il sig. Coronel, una cambista di fiducia.

Juan Coronel Rojas - Cambista affidabile dimostrato dalla nostra società
Juan Coronel Rojas – Cambista affidabile dimostrato dalla nostra società

 

Pagine: Precedente 1 2 3
Loading...

Continuando, accetti di utilizzare i cookie per offrire contenuto e pubblicità mirata su misura per i tuoi interessi e attuare misure per migliorare la tua esperienza sul sito. Per ulteriori informazioni e gestire le impostazioni, Clicca qui.

Per migliorare la tua esperienza su peruparadisetravel.com, utilizziamo i cookies per conoscere le tue abitudini di navigazione e offrirti contenuti adatti ai tuoi interessi.

Close