Lima Coloniale. La città bianca di Arequipa, Puno e il lago Titicaca. Cusco city. Ollantaytambo. Chinchero. Aguas Calientes e Machu Picchu. Valle Sacra, Pisac mercato e sito Archeologico.

$2.275,00

Perù, tradizioni Natalizie di Peru Paradise Travel

Lima:

E’ una città estesa che attualmente conta circa 8 milioni di abitanti, frutto di una vertiginosa crescita demografica che si è ripercossa sull’impianto urbanistico e in genere sugli aspetti formali, oggi assai disomogenei rispetto al passato coloniale.

Al di là del “centro storico” ha l’aspetto di una città che ha subito uno sviluppo tumultuoso e squilibrato, dovuto all’imponente fenomeno immigratorio di cui è diventata oggetto da decenni, da parte soprattutto della popolazione della Sierra.

La costa di Lima è particolare, costituita da un’imponente banco alluvionale in alcuni punti alto anche cento metri, formato da terra, sabbia e ciottoli, incisa profondamente dalle rare piogge che provocano grandi smottamenti e ampliano una spiaggia formata da grossi sassi dilavati dalle onde dell’oceano.

Sotto la tutela di Ricardo Moscoso, nostro angelo custode durante tutto il soggiorno in Perù, e accompagnati da una guida locale, abbiamo toccato i punti salienti di Lima.

Il giro parte dal cuore della città, Plaza de Armas. Tracciata da Francisco Pizarro e nucleo primigenio della metropoli, secondo quanto stabilito a suo tempo dal conquistador, attorno al perimetro furono edificati gli edifici più importanti: la cattedrale, al lato opposto il potere civile, la sede della municipalità, antica sede del cabildo di Lima, ed inoltre il palazzo del governo con davanti la statua del conquistador Francisco Pizarro.

Questa piazza è stata testimone di numerosi avvenimenti: nel 1541 vi si radunarono i fedeli dello strangolato Diego de Almagro, prima di entrare nella residenza di Pizarro per assassinarlo: a coltellate fu quasi decapitato. Fu il luogo delle cerimonie di insediamento di tutti i vicerè a cominciare dal primo, Andrès Hurtado de Mondoza, giunto a Lima il 6 luglio 1555, dei numerosi autos de fé con condanne al rogo da parte dell’Inquisizione, una piazza che nel corso dei secoli fu scenario teatrale e terreno per corride fino al 28 luglio 1821, quando il generale José de San Martin vi proclamò l’indipendenza del Perù.

Perù, tradizioni Natalizie di Peru Paradise Travel

Isole del Callao:

Isole Palomino
Le isole sono due: la prima ricca di specie faunistiche, tra cui i leoni marini dal pelo liscio(Otaria byronia); alcuni esemplari pesano circa 300 chilogrammi. Sulla seconda trovano rifugio le otarie malate e gli esemplari vecchi, perciò l’isola è conosciuta con il nome “l’ospedale”.

Isola San Lorenzo
La più grande e la più alta del Perù. È lunga 8 chilometri e ampia 2.2 km.

Anticamente era considerata, dagli abitanti autoctoni, una divinità femminile chiamata Shina e la identificarono con la bellezza e la fecondità per l’abbondanza di pesce e di frutti di mare presenti sulle coste; per tale motivo svolse l’importante funzione economica di mantenere le antiche popolazioni insediate sulla costa del Callao.

L’archeologo Max Uhle trovò, all’estremità meridionale dell’isola, una dacha destinata alla venerazione della luna e una necropoli con oltre 3000 tombe contenenti, tra l’altro, utensili, tessuti e oggetti manufatti in oro e in argento.

È conosciuta, inoltre, con il nome di “Isola Misteriosa” per le affascinanti storie di pirati, di tesori nascosti e di resti storici che sono narrate. Nella zona si trovano i resti del pitara olandese Jacobo L’Hemite e di altri personaggi del XIX secolo. Ci sono anche 8 cimiteri che custodiscono le spoglie di militari cileni morti nella Guerra del Pacifico.

Isola del Frontón
Chiamata anche“Isola del Morto”, dal momento che fu usata come prigione politica durante il periodo coloniale agli inizi della Repubblica. Tra i prigionieri da menzionare il viceré Blasco Núñez de Vela, deposto nel 1544. Successivamente divenne un penitenziario per reati comuni.

Perù, tradizioni Natalizie di Peru Paradise Travel

Arequipa:

Conosciuta come la Città Bianca per i suoi meravigliosi muri bianchi in sillar, una pietra di origine vulcanica, Arequipa è adagiata alle pendici dei maestosi vulcani Chachani e Misti e del ghiacciaio Pichu Pichu. Nel centro della città, dichiarata Patrimonio Culturale dell’Umanità dall’UNESCO nell’anno 2000, si possono ammirare i templi e le casone coloniali di stile barocco meticcio, così come il Monastero di Santa Catalina, una città spagnola in miniatura con stradine in pietra, begli atri e piazze. Sabandía, Tiabaya e Tingo, nella campagna, sono località da visitare obbligatoriamente, e l’irresistibile gastronomia di Arequipa è il perfetto complemento della visita.

Situati a solo 3 ore e 45 minuti dalla città, la Valle e il Cañon del Colca costituiscono una delle mete più straordinarie del paese. In tutta la zona si possono ammirare delle colorite terrazze preincaiche coltivate ancora a quinua, mais, orzo e grano. Nei periodi preispanici la zona fu abitata dai Collaguas e dai Cabanas; oggi gli abitanti hanno saputo conservare le proprie chiese coloniali come quelle di Yanque, Lari e Madrigal e ancora indossano i loro bei costumi tipici. Nella valle, inoltre, si praticano sport d’avventura come il ciclismo da montagna, il trekking e il canottaggio, e alla Croce del Condor si può ammirare il maestoso volo dei condor. Altri luoghi d’interesse nella zona sono i petroglifi di Toro Muerto, la valle dei vulcani di Andagua e il Canyon di Cotahuasi.

Dati generali

Altitudine:
Capitale: Arequipa (2335 sul livello del mare).
Minima: 9 metrisul livelllo del mare (Punta de Bombón)
Massima: 4 910 metri sul livello del mare (Mirador de los Volcanes – Caylloma)

Clima:
La città di Arequipa ha un clima semi arido e temperato, con una temperatura massima di21,7°C (71,0 ºF) e una minima di 6,9°C (44,4 ºF). La stagione delle piogge inizia a gennaio e finisce a marzo.

Convento di Santa Catalina:

Costruito per ospitare le figlie con vocazione religiosa delle famiglie più distinte della città, il monastero fu inaugurato il 2 ottobre del 1580, dedicato a Santa Caterina da Siena, come un centro di clausura assoluta che si mantenne fino al 15 agosto del 1970.
Occupa un’area approssimata di ventimila metri quadrati e la distribuzione è simile a quella dei primi quartieri di Arequipa.

Ci sono delle stanze architettonicamente molto differenti. Uno degli ambienti è stato adibito a una pinacoteca che esibisce tele delle scuole cusqueña, quiteña e d’influenza arequipeña. Ha, inoltre, altre sale o settori da visitare come, per esempio, il chiostro della Portineria, il Museo Precolombiano, il Chiostro di San Francisco, ecc.

Perù, tradizioni Natalizie di Peru Paradise Travel

Cattedrale di Arequipa:

È considerato uno dei primi monumenti religiosi della città del XVII secolo. Fu costruita in sillar (pietra di origine vulcanica), con volte a botte in mattoni; fu distrutta da un incendio nel 1844 e poi ricostruita nel 1868 dall’architetto di Arequipa Lucas Poblete. È di stile neoclassico e le porte d’accesso si trovano all’altezza delle navate laterali. È stata duramente colpita dal terremoto dell’anno 2001 che ha compromesso seriamente le sue torri.

Quartiere di Yanahuara:

Quartiere tradizionale a 2 km dal centro, con strette viuzze acciottolate ed antiche case a bugna con grandi orti familiari. Edificata nel 1750, ha una gradevole piazzetta ed una delle piú importanti chiese dell’arte meticcio regionale. Dalla terrazza della piazza si puó avere una magnifica veduta della cittá e dei suoi tre vulcani: il Misti, il Chachani ed il Pichu Pichu.

Perù, tradizioni Natalizie di Peru Paradise Travel

Puno:

Puno è stata la sede della cultura Tiahuanaco (dall’800 al 1200 d. C.), massima espressione del popolo Aymara, che si sviluppò nel territorio odierno compreso tra Perù e Bolivia; gli incas dominarono il territorio nel XV secolo e gli spagnoli lasciarono un’importante testimonianza coloniale in tutta la zona, attratti dall’attività mineraria che si realizzava nella zona.

Oggi la città di Puno (3827 metri di altitudine) è capitale del folclore peruviano e sede della Festa della Vergine della Candelora, si adagia sulle rive del Titicaca, il lago navigabile più alto del mondo. I dintorni sono spettacolari: le Chullpas di Sillustani, un insieme di imponenti torri funerarie costruite dai Kollas; Juli, celebre per i suoi bei templi coloniali; Lampa con la chiesa del periodo del vicereame, costruita tra il 1675 e il 1685; Llachón, comunità che ancora conserva costumi secolari e manifestazioni culturali e Pucará, famosa per la ceramica pre incaica e per i “toritos de Pucará”, oggi costruiti in argilla.

Il lago, i cui abitanti hanno preservato gli antichi costumi e le tradizioni, ospita anche diverse isole. Un esempio lo costituiscono gli Uros, che vivono su “isole galleggianti”, fatte di totora, e che navigano per la zona nelle loro tradizionali imbarcazioni anch’esse fatte di totora. Taquile, Suasi e Amantaní sono rinomate per l’amabilità degli abitanti e per le antiche tecniche di tessitura, per le costruzioni precolombiane e i meravigliosi paesaggi. La Riserva Nazionale del Titicaca (36.180 ettari) protegge estensioni di totoralie diverse specie di flora e fauna.

Dati generali

Altitudine:
Capitale: Puno (3827 sul livello del mare).
Minima: 820 metri(Lanlacuni Basso).
Massima: 4725 metri (San Antonio de Esquilache).

Clima:
La città di Puno è adagiata sulle rive del lago Titicaca e il clima è freddo e semi secco. La stagione delle piogge inizia ad ottobre e finisce ad aprile. La temperatura media annuale massima è di 14°C (58ºF) e la minima di 3°C (37ºF).

Isole Uros:

A 5 km a Ovest del porto di Puno (20 minuti in barca).

Le isole degli Uros (3810 metri sul livello del mare) si trovano nella baia di Puno e sono circa 20. Ognuna è abitata da 3 a 10 famiglie uro-aymaras, che costruiscono e ricoprono le loro case con tetti di totora, anche se ci sono alcune che hanno sostituito i tetti tradizionali con calamina. Tra le isole principali da ricordare Tupiri, Santa Maria, Tribuna, Toranipata, Chumi, Paraíso, Kapi, Titino, Tinajero e Negrone.

Gli uros si chiamano tra loro “il popolo del lago” e le loro origini risalgono a epoche precedenti a quella incaica. Mantengono la tradizione della pesca artigianale, in special modo quella del carachi e del persico, come anche la caccia di uccelli selvatici. Gli uomini sono abili conduttori di zattere di totora e le donne ottime tessitrici.

Il clima freddo e secco, caratteristico del dipartimento, si attenua grazie all’azione delle masse d’acqua che evaporano costantemente.

Isola di Taquile:

A 35 km a Est del porto di Puno (3 ore in barca).

La sua estensione approssimata è di 6 km2 e l’altitudine tra il porto e il villaggio varia leggermente, dai 3810 metri ai 3950 metri sul livello del mare. La temperatura massima è di 23ºC (66ºF) e la minima di 7ºC (37ºF).

I resti dell’isola risalgono a epoche preincaiche e si possono osservare nella parte alta. Durante la colonia e fino ai primi anni del XX secolo, il luogo fu utilizzato come prigione politica, ma, dal 1970, l’isola divenne proprietà esclusiva degli abitanti di Taquile.

L’isola è caratterizzata da una popolazione molto amichevole che conserva i propri costumi, le tradizioni e gli abiti secondo l’antica usanza. Gli abitanti sono rinomati per i loro tessuti laboriosi e di fine fattura, con decorazioni simmetriche simboliche, di colori forti che riflettono il loro modello di vita, i costumi e le credenze andine.

Perù, tradizioni Natalizie di Peru Paradise Travel

La Chiesa di san Pedro a Andahuaylillas:

La chiesa di san Pietro è stata costruita dai Gesuiti probabilmente sopra una costruzione incaica (forse una “huaca”) tra la fine del XVI e l’inizio del XVII secolo con la classica struttura dei piccoli villaggi: si nota subito come le pareti siano molto grosse e fatte di mattoni essicati al sole, e come l’esterno sia piuttosto modesto. L’interno, invece, lascia il visitatore sbalordito: è impressionante la quantità di affreschi che coprono le pareti e soprattutto il tetto, con modelli geometrici e motivi floreali rivestiti di sottilissime lamine d’oro. La parte più antica della chiesa (verso l’altare maggiore) è stata realizzata in stile “mudejar” (stile architettonico che unisce elementi arabi e cristiani, sviluppatosi in Europa tra il XIII e il XVI secolo).
Notevole è anche il battistero (immediatamente alla sinistra dell’ingresso): conserva un’iscrizione nelle cinque lingue dell’epoca: latino, spagnolo, quechua, aymara e pukina (lingua autoctona che si è oggi perduta), mentre nella parete d’entrata vi sono due singolari affreschi che rappresentano un cammino profano che conduce verso l’Inferno e uno virtuoso che porta in Paradiso.
Vi sono inoltre conservati un altare barocco in legno di cedro intagliato e con al centro la rappresentazione della “Vergine del Rosario”, un organo maestuoso e opere di oreficeria, tra cui il tabernacolo, nonchè una collezione di tele della Scuola Cusquegna sulla vita di San Pietro, inserite in meravigliose cornici dorate. Anche i paramenti sacri finemente ricavati custoditi nella sacrestia sono degni di interesse. Le tre croci che si trovano all’esterno rappresentano la Trinità: Pade figlio e Spirito Santo.

Raqchi:

Il complesso archeologico confina con i terreni di varie Comunità Agricole; i suoli sono composti in maggior parte da rocce nere di origine vulcanica, spugnose e leggere. Nelle vicinanze, infatti, si trovano i crateri di un vulcano spento il cui nome è Kimsach’ata. Quando arrivarono gli Spagnoli, raccolsero delle testimonianze degli abitanti del luogo i quali ricordavano “una pioggia di fuoco” che arrecò gravi danni, ma i racconti storici si mescolano alla mitologia legata al dio Viracocha.
Raqchi doveva essere una città molto più grande, un punto di sosta nel cammino verso l’Altiplano, con tanto di magazzini statali: vi si possono intuire, infatti, tutti gli elementi caratteristici di una città: abitazioni, templi, palazzi, osservatori astronomici, acquedotti, depositi di alimenti, strade, piazze, campi, muraglie periferiche…

Si pensa che fosse l’unica città dedicata al culto del dio Viracocha, con un tempio dedicato a questa divinità, infatti è l’unico edificio in tutto il Tawantinsuyo con quattro navate e con colonne cilindriche. Presenta un muro colossale alto 15 metri.

Perù, tradizioni Natalizie di Peru Paradise Travel

Info Cusco: http://peruviaggi.info/perucusco/cusco.classico.php

 

Tour type: Daily Tour
Durata: 11 giorni
Numero massimo di partecipanti: 8
Località: Viaggi di Gruppo, Viaggi terrestri, Tematici
Rate:
Adults:
Children:

Adult discount

# Title Number Discount
1Partecipanti.45%
2Partec.67%
3Partec.88.5%

Richiedi Info

Inserisci il testo qui sotto: captcha
VISITERETE: Lima Coloniale. La città bianca di Arequipa, Puno e il lago Titicaca. Cusco city. Ollantaytambo. Chinchero. Aguas Calientes e Machu Picchu. Valle Sacra, Pisac mercato e sito Archeologico.

Tour’s Program

Stampa

Un particolare viaggio di 11 giorni/10 notti nel periodo festivo Natalizio per ri-VIVERE antiche emozioni tra le tradizioni locali natalizie delle Ande sud. Tante le chiese adornate e presepi locali molto suggestivi. Cerimonie, mercati e feste religiose davvero suggestive attraverseranno le strade dei centri storici. Tanti i presepi da visitare nelle varie città che toccheremo. Una proposta per tutti coloro che desiderano conoscere i più importanti centri andini del Perù sud vivendo contemporaneamente la magica ed emozionante atmosfera del Natale più religioso/pagano del mondo andino. Tour che tocca principalmente il triangolo andino per eccellenza" Arequipa, Puno e Cusco" e la meraviglia del mondo, MACHU PICCHU. Il tour include anche la visita all'interessante Museo Larco Herrera e alla splendida Lima coloniale...chiudiamo questo particolare viaggio con la visita naturalistica alle isole di San Lorenzo, Fronton, Palomino prima del rientro in Italia.
All’arrivo a Lima un nostro incaricato sarà ad’aspettarvI in aeroporto con nostro cartello identificativo per trasferirvi in mezzo privato all’ Hotel designato. Cena libera e pernott.
Nota: coloro che giungono a Lima il mattino e desiderano a immediata disponibilità della cam. doppia o matrim. devono addizioare usd 90. Per la cam. tripla Usd 110.
Prima colazione in hotel. Alle ore 08.00 inizio escursione in servizio privato all’interessante e bellissimo Museo Larco Herrera. Dopo la visita trasferimento in aeroporto e volo per la bella città bianca di Arequipa 2340 mslm. Arrivo, trasferimento e sistemazione in hotel. Pranzo libero. Tempo libero a disposizione per conoscere il presepe della Cattedrale principale. Sono tante le chiese che espongono i presepi e presenti nel centro storico; la Compañía, San Agustín, La Merced, Santa Marta, San Francisco, e altre chiese. Rientro in hotel. Cena libera e pernott.
Nota: a colazione consigliamo qualche tazza della famosa tisana di “mate de coca” che aiuta in modo particolare nelle altitudini. Non bere mate di coca dopo le ore 17.00.
Prima colazione in hotel. Alle ore 08.30 inizio Visita della città in minivan o bus turistico in servizio privato che comprende la Cattedrale principale, il chiosco della compagnia, il Monastero di Santa Catalina ed altre importanti monumenti. Proseguimento della visita al Mirador di Yanahuara per poter apprezzare le tre imponenti cime dei vulcani Misti, Pichu Pichu e Chachani. Dopo la visita " acquistate acqua e snaks da consumare durante il percorso" partenza in mezzo privato con autista/accompagnatore parlante spagnolo alla volta di Puno. Viaggio terrestre che impegna circa 4.30 h. tra magnifici panorami Andini e riserve naturali protette in favore dei Camelidi del Perù (Alpaca, Vigogna, Lama). Il percorso offre offre panorami andini rurali tipici del Peru. Arrivo nel pomeriggio a Puno 3812 mslm. e sistemazione in hotel. Cena libera e pernott.

NOTA: Consigliamo un giro serale nel centro e nelle chiese per ammirare i vari presepi natalizzi.
Colazione. Alle ore 07.00 trasferimento al movimentato porto di Puno e partenza in lancia a motore in servizio sic di gruppo con guida parlante spagnolo/inglese per la la navigazione sul lago navigabile più alto del mondo ”Titicaca”. Raggiungeremo l’isola galleggiante degli Uros “ antica comunita locale che viveva su Isole flottanti costruite con enormi spessori di canne di Totora. La nostra visita prosegue con una ulteriore navigazione per raggiungere la bellissima Isola di Taquile. All’arrivo cammineremo circa 50 minuti per raggiungere la piazza principale di Taquile, molto suggestiva; da questo punto la visita del lago risulta molto bella, clima permettendo si potrà ammirare anche la Cordigliera Reale Boliviana. PRANZO INCLUSO. Taquile conosciuta particolarmente per i suoi coloratissimi tessuti e le sue strette tradizioni locali; nella piazza troverete negozi di artigianato locale molto interessanti. Dopo pranzo torneremo al porto scendendo per un sentiero lastricato per riprendere la lancia a motore e fare rientro al porto di Puno verso le ore 17.00. Arrivo e successivo trasferimento in hotel. Cena libera e pernott.
Colazione. Alle ore 07.15 trasferimento alla stazione dei bus gran turismo e partenza per Cusco"3360 mslm" in servizio regolare sic d gruppo con guida parlante spagnolo/inglese. Percorso alto/andino di 390 km. molto suggestivo che costeggia la strada ferroviaria tra valli e panorami tipici della sierra. Sul percorso sosta per la visita guidata di 2 importanti siti Archeologici, la chiesetta di Andahuaylillas & Racqui con il suo tempio Viracocha. Sosteremo anche al passo La Raya, punto più alto del percorso ” 4319 mslm ” e di confine tra Cusco e Puno. PRANZO INCLUSO. Percorso di 10 ore, includendo le soste per le visite e pranzo. All’arrivo in Cusco circa alle ore 17.30; ci sara un nostro incaricato ad’aspettarvi con nostro cartello identificativo per trasfervi in hotel. Cena libera e pernott
Prima colazione in hotel. Alle ore 08.30 inizio escursione della città in servizio privato. La visita comprende la cattedrale principale in Plaza de Armas, il Tempio di Koricancha, conosciuto anche come Santo Domingo, visibile in modo particolare dalla strada principale di Cusco, Avenida Sol. Raggiungeremo le 4 importanti rovine circostanti della città, Sacsayhuaman, Kenko, Puca Pucara e Tambomachay con una bella camminata all/interno degli stessi. Rientro a Cusco verso le ore 12.20 e pranzo libero. Pomeriggio a disposizione per conoscere ulteriori presepi esposti nelle varie chiese del centro storico. Consigliamo la visita famoso quartiere di San Blas e la sua bella chiesetta, la quale conserva uno dei pulpiti intagliati più antichi del Perù; nei pressi anche la pietra dei 12 angoli. Rientro in hotel. CENA INCLUSA. Hotel e pernott.
Nota: chi desiderate, dopo cena e in compagnia di nostro personale si potrà fare un giro nella piazza principale, ove le persone locali si radunano per la messa Santa
Prima colazione in hotel. Alle ore 08.00 partenza in servizio privato per inizio escursione di tutta la giornata nella bellissima Valle Sacra degli Incas, sita a 33 km. da Cusco. Prima sosta al Mirador principale della Valle. Successiva visita al tipico e famoso mercato Artigianale di Pisac per poi seguire con il suo importante centro Archeologico, considerato tra i più importanti di Cusco. Sosta ad Urubamba per il pranzo libero nella valle. Visita della fortezza di Ollantaytambo.
Dopo la visita raggiungeremo la vicina stazione dei treni e partenza in classe Expedition con un percorso di 90 minuti per raggiungere il paese adiacente a Machu picchu, Aguas Calientes, 2089 mslm. Arrivo e trasferimento in hotel. Cena libera e pernott.
Nota: sul treno sono permessi solo 5 kg. di bagaglio, portate con voi uno zainetto con il necessario per la notte. Il resto del bagaglio potete lasciarlo nel deposito dell''hotel a Cusco. Il servizio custodia è gratuito.
Prima colazione in hotel. Alle ore 05.30 ritrovo in hotel e trasferimento a piedi per abbordare uno dei minibus che percorrono i famosi 8 km di strada serpeggiante per raggiungere la magica città, situata a poco meno di 2500 mslm. Visita del complesso archeologico di Machu Picchu in servizio privato con guida disponibile per 2.30 h...dopodichè continuate la visita da Voi. Rientro in A.Calientes per l'ora di pranzo. e partenza in treno per Ollantaytambo. Arrivo e incontro in stazione con nostro collaboratore per essere trasferiti in pochi minuti in un hotel di Ollantaytambo.Cena libera e pernott.
Nota: sul biglietto viene indicato n° vagone, posto a sedere e orario. Dovete essere in stazione almeno 30 minuti prima della partenza treno.
Prima colazione in hotel. Alle ore 08.00 partenza in mezzo privato con autista parlante italiano in mezzo privato con autista" ingressi inclusi, no guida" inizia la visita all’interno di questo caratteristico villaggio;il conserva acquedotti, stradine e case dell’epoca Inka. Dopo la visita raggiungeremo Chinchero, altro villaggio andino che conserva vestigia Inka di grande importanza e la sua antica chiesetta coloniale. Rientro a Cusco e sistemazione in hotel. Pomeriggio a disposizione nella magica Cusco. Hotel. Cena libera e Pernott.
Nota: alle ore 18.30 nel piccolo teatro Coscho" situato in Avenida Sol" presentano lo spettacolo di danze tipiche del Perù. Ingresso non incluso.
Prima colazione in hotel. Ad'ora opportuna trasferimento in aeroporto e volo per Lima. Arrivo e partenza in servizio privato con guida parlante italiano per la visita alla bella Lima coloniale. Visiteremo la Plaza de Armas, la Cattedrale. Seguiremo la visita alla chiesa di San Francisco e il suo Monasterio e le relative catacombe. Rientro in hotel. Tempo a disposizione. Cena libera e pernott.
Prima colazione in hotel. Alle ore 08.00 trasferimento in mezzo privato al porto del Callao per inizio navigazione e conoscere le particolari Isole di San Lorenzo, Fronton e Palomino con guida locale parlante spagnolo/inglese. Queste isole sono sede di molte specie marine tra cui, leoni marini, foche, pinguini e varie speci di uccelli. Una serie di isole che in buona parte offrono uno spettacolo naturale simile alle isole Ballestas in fauna. Rientro a Lima e PRANZO INCLUSO. Trasferimento in aeroporto per sbrigare le formalità doganali. Volo di rientro in Italia. Pasti e pernottamento a bordo.

FINE NOSTRO SERVIZIO IN PERU
LA QUOTA DEL TOUR Peru tradizioni natalizie, COMPRENDE:

Alberghi categoria 3 stelle standard e superiori in doppia, matrim. e Tripla
Colazioni incluse tipo continental eamericane durante tutto il viaggio.
I pasti ove menzionati nel programma.
Trasferimenti terrestri in mezzi privati e bus gran turismo.
Le eventuali escursioni e trasferimenti indicati solo con autista/accompagnatore, non includono la guida.
Le escursioni indicate in servizio privato, si eseguono con guide in italiano.
Trasferimenti in bus A/R. Treno A/R in classe Expedition.
Voli aerei interni inclusi.
Ingressi alle zone archeologiche, Musei ed ai siti indicati nel programma.
Assistenza della nostra Organizzazione durante tutto il tour.

LA QUOTA NON COMPRENDE :

Volo intercontinentale. Assicurazione obbligatoria, minimo medico/bagaglio, consigliamo questo link: http://www.columbusassicurazioni.it/?COR=ITA
Tasse aeroportuali in Peru. Bevande, mance e quant’altro non espressamente indicato nella voce, LA QUOTA COMPRENDE.

Nota: Vi informiamo che non inseriamo il pranzo in Machupicchu perche riteniamo che la sosta pranzo toglie molto spazio alla visita della magica cittàdella. All’esterno ” ingresso” della cittàdella trovate il ristorante circa USA 25 per persona. In alternativa i piccoli bar nella piazzetta
Cat. Alberghi 3 stelle standard in cam doppia. matrim. o tripla.

LISTA ALBERGHI PROPOSTI: 3 stelle superiori e standard.

Lima – Hotel La Faraona 3 stelle sup.
Arequipa – Hotel Plaza Residence 3 stelle std.
Puno – Hotel Royal Inn Intiqa 3 stelle sup.
Cusco – Hotel 7 Ventanas 3 stelle std.
Ollantaytambo – Hotel Tunupa 3 stelle std.
Aguas Calientes – Hotel Taykala 3 stelle sup.

Nota: Il costo programma viene proposto in USD: dollari americani.
Nota tecnica: Durante i trasferimenti verrà fornito un minivan turistico con autista parlante spagnolo che offrirà l’assistenza durante i percorsi terrestri.
Nota: coloro che giungono a Lima il mattino e desiderano a immediata disponibilità della cam. doppia o matri. devpno addizioare usd 90. Per la cam. tripla Usd 110.

Stampa

Ulteriori Proposti!

Programmi Economici

Viaggi per Vegani e Vegetariani