Fortezza di Kuelap. Chachapoyas. Museo del Signore di Sipan a Lambayeque Chiclayo. Piramidi di Tucume. Trujilo city, Chan Chan, Huanchaco, Huaca del Brujo e museo Dama di Cao. Cusco City. Valle Sacra degli Incas. Pernottamento ad'Aguas Calientes e la meravigliosa Machupicchu. Tempo a disposizione a Lima.

$2.099,00

Perù, le due…Machupicchu!

Kuelap, questa maestosa fortezza di pietra fu costruita dalla civiltà Chachapoya all’incirca nell’anno 800 d. C. Situata a 3000 metri di altitudine, si estende per 6 ettari. Ha tre piattaforme di difesa, la prima di 20 metri di altezza e 680 metri di lunghezza. Le tre vie di accesso sono dei veri e propri corridoi in pietra che si restringono man mano che si avanza e conducono alle successive piattaforme. All’interno si distinguono 420 edifici circolari decorati con fregi romboidali e a zig zag.

Perù, le due…Machupicchu!

I Sachapuyos edificarono imponenti cittadelle sulle cime delle montagne per sfruttare al massimo le terre coltivabili. I tempi e le fortezze di pietra si armonizzavano con l’incommensurabile bellezza paesaggistica della regione. Un esempio della grandezza di questo popolo di cui si conosce molto poco, è la città fortificata di Kuelap, una gioia che risplende a 3 mila metri di altezza.

La città di Kuelap, nel dipartimento di Amazonas, è unica per le sue caratteristiche e non può essere paragonata con nessuno dei resti archeologici del Perù. Il suo nome deriva dalla formazione della parola “Cónlap”, che è la denominazione di un popolo che abitava nella zona e pagava i tributi agli spagnoli nel 1591.
Kuelap è formata da una serie di terrazze da 15 a 20 metri di ampiezza, sulle quali si ergono dei formidabili muri inclinati. Risaltano le entrate a forma di imbuto, con un’ampiezza di tre metri nella parte esterna e settanta centimetri all’interno.

Alcuni studiosi rimarcano che la città, scoperta nel 1841 dal giudice di prima istanza Juan Crisostomo Nieto, fu abitata tra gli anni 500 e 1000 D. C. e che per la sua costruzione furono impiegati 25 milioni di metri cubuci di materiale, tre volte tanto il volume impiegato nella costruzione della piramide di Keope in Egitto.

Gli abitanti di Kuelap abbandonarono la città in massa prima dell’arrivo degli spagnoli, per ragione fino ad oggi sconosciute.
Lo studioso italiano Antonio Raimondi, il primo a studiare la zona nel 1860, trovò sul posto uno scheletro di un uomo di due metri di statura e cranei con capiglitura rossa, un mistero non ancora decifrato fino ai nostri giorni.

A Kuelap c’è ancora molto da scoprire e ricercare. Per ora questa città di 584 metri di lunghezza e 110 metri di ampiezza e dalle mura alte 20 metri, è coperta da un velo di enigma e mistero che invade qualsiasi persona la visiti.

Perù, le due…Machupicchu!

Dati Generali:
Altitudine

Capitale: Chachapoyas (2334 metri).
Minima: 230 metri(Santa María de Nieva).
Massima: 3450 metri (Chuquibamba).

Clima 
La città di Chachapoyas possiede un clima mite con piogge nei mesi estivi (da dicembre ad aprile). La temperatura media annuale massima è di 23ºC (68 ºF) e la minima di 13ºC (51 ºF).

Perù, le due…Machupicchu!

Il Museo Tomba Reale di Sipán
Il Signore di Sipán.

Nel 1987 il Perù ha presentato al mondo il più importante ritrovamento archeologico degli ultimi tempi. Dopo esser rimasto sepolto per secoli nella località di Sipan, la tomba di un gran signore della civiltà moche è venuta alla luce grazie al lavoro di archeologi peruviani che, per la prima volta, avevano davanti a sé una tomba non profanata che mostrava i riti della sepoltura di una delle più importanti culture preispaniche del Perù.

Il Signore di Sipán così battezzato in onore della località in cui è stato rinvenuto fu sepolto nel II secolo d.C.

La posizione è stata scelta scupolosamente; la testa in direzione sud, gli occhi , il naso e la bocca erano coperti con pezzi in oro, il naso e gli occhi coperti con ornamenti di oro, e le scarpe d’argento. In suo onore si sacrificarono donne, bambini, lama, e i migliori guerrieri lo accompagnarono nel suo ultimo viaggio nell’altra vita per proteggerlo.

Sipán deriva dall’ormai estinta lingua Mochica e la sua traduzione più vicina sarebbe “Casa o tempio della Luna” o “Casa dei Signori”. La struttura ritrovata in questa località è composta di tre recinti piramidali nei quali riposa il governatore accompagnato dal suo seguito o corte reale. Successivamente furono scoperte le tombe del Vecchio Signore di Sipán e del Sacerdote; e, insieme a questi, numerosi accompagnatori e guerrieri.

Al di lá della spettacolarità della scoperta, e della bellezza dei suoi sontuosi ornamenti, le tombe Reali di Sipán hanno consentito agli archeologi e agli storici di ricostruire una parte sconosciuta della notevole cultura Mochica che, per secoli, dominò gran parte del nord dell’antico Perù.

Perù, le due…Machupicchu!

Le Piramidi di Tucume.

Ubicato a circa 33 km. da Chiclayo, questo sito archeologico della cultura Lambayeque, anche conosciuto con il nome di Valle delle Piramidi e’ uno dei piu’ importanti della regione. Nel suo centro si trova la montagna chiamata Cerro La Raya o Cerro Purgatorio. I circa 25 edifici principali sono costruiti in adobes (mattoni di argilla seccati al sole) ed erano destinati a diverse funzioni: come luoghi di culto alcuni, altri come residenze dei gerarchi e dei sacerdoti. La costruzione di tali edifici incomincio’verso la fine del x secolo e si prolungo’ durante molti secoli.

La Huaca Larga (Piramide Lunga) e’ l’edificio piu’ grande. Le sue dimensioni sono impressionanti: 700 metri di lunghezza, 280 di larghezza e 30 di altezza. E’ la costruzione di adobes piu’ grande del Peru’ e dell’America Latina.

Perù, le due…Machupicchu!

Trujillo.

In questo departamento si sono ritrovati resti dei primi gruppi pre-ispanici, tra i piu importanti della zona nord. Grandi civilta’ come la cultura Chimu’, occuparano la Valle dei Moche, Chicama e Viru’ dal secolo III al VI dopo Cristo. A questa epoca appartiene la cerámica realista, famosa per i suoi “ Huaco Retratos” Menzioniamo inoltre le Huacas o tempi Piramidali, le quali dimostrano un grande conoscimento nella architettura.

Dal secolo XII al XV dopo Cristo; la regione fu’ testimone di grandi sviluppi della cultura Chimu’, in particolare nella sua capitale Chan Chan. Si menziona inoltre la grande capacita’ nel lavorare metalli, principalmente oro e argento.
Menzioniamo inoltre la grande ingegneria idráulica nel settore agricolo.
Gli Inca trovarono una forte resistenza alla loro invasione, avvenuta nel secolo XVI.

Alla fine del 1534 con l’arrivo degli spagnoli nella Valle, si costituisce Trujillo, ricevendo il titolo di citta’ nel 1537; arrivando ad’essere una delle citta’ piu importanti e ricche del nord del Peru. Testimoni di questa ricchezza sono le belle Casonas che ancora si conservano.
Trujillo fu la prima citta’ del Peru a proclamare la sua indipendenza nell’anno 1820.

Dati Generali:
Altitudine

Capitale:Trujillo (34 metri sul livello del mare)
Minima: 3 metri (Salaverry)
Massima: 4 008 metri (Quiruvilca)

Clima 
La città di Trujillo è caratterizzata dal clima arido e semicaldo, con una temperatura media massima di 22,7°C (72,9ºF), e una minima di 15,8°C (60,4ºF), con assenza di piogge per tutto l’anno. Ciononostante, in presenza del fenomeno del Niño, il clima cambia, aumenta il livello delle precipitazioni e la temperatura può elevarsi.

Perù, le due…Machupicchu!

Huanchaco.

A 13 km a nordovest di Trujillo (15 minuti in auto)

Secondo la leggenda, 800 anni fa a Huanchaco, il principe Tacaynamo con il suo seguito fondò la prima dinastia Chimú. Nelle sue acqua navigano ancora i “caballitos de totora”, delle imbarcazioni tradizionali utilizzate dai pescatori della costa settentrionale dall’epoca precolombiana. È una delle spiagge del Perù preferite dagli amanti della tavola hawaiana.

Huaca El Brujo.

É localizzato di fronte al mare, nel distretto di Magdalena de Cao, nella valle di Chicama, a 34 km a Nord di Trujillo (1 h 15 min. circa). É uno dei complessi archeologici piú importanti della costa settentrionale del Perú.

Fu costruito attraverso una lunga sequenza culturale che ebbe inizio nel periodo Pre-ceramico, 5 000 anni fa. El Brujo é composto da tre grandi edificazioni o “Huaca” (edificazioni impiegate per seppellire agli antichi indigeni): l’antichissirna Huaca Prieta, la Huaca El Brujo, appartenente alla civiltá Mochica, e la Huaca de Cao Viejo, che ci offre figure in bassorilievo e murali.

Perù, le due…Machupicchu!

Dama di Cao.

isse e morí 1600 anni fa. Apparteneva ai Moche, un popolo peruviano governato da uomini. eppure questa donna fu sepolta accanto a simboli di potere, come una corona d’oro ornata da un volto ferino. Ma allora, chi era questo personaggio di alto rango?

I Moche non imbalsamavano i morti. La maggior parte dei cadaveri si decomponeva naturalmente, lasciando le nude ossa come sola testimonianza di vite ormai spente. In qualche caso, peró, la natura e la devozione degli uomini hanno lavorato assieme, preservando la salma come mummia. É la sorte toccata alla donna tatuata i cui resti, avvolti in tessuti sontuosi, sono stati scoperti lo scorso anno nel sito cerimoniale di El Brujo, “lo stregone”, sulla costa settentrionale del Perú.

I Moche, che raggiunsero l’apice dello splendore 1000 anni prima degli Inca, crearono una cultura raffinata, celebre per le splendide ceramiche e la sapiente lavorazione del metallo.

L’esame autoptico ha rivelato che la donna mori alle soglie dei 30 anni dopo aver dato alla luce almeno un figlio, ma non si conosce la causa del decesso. La sua morte deve aver sconvolto il popolo, che la seppellí sulla sommitá di un tempio dove si celebravano sacrifici di sangue.

Perù, le due…Machupicchu!

Huaca della Luna.

La Huaca de la Luna (95x85x25metri) costituisce la controparte visuale e cerimoniale della Huaca del Sol e di compone di tre complessi cerimoniali indipendenti, ognuno con un proprio sistema di ingressi limitati, cortili recintati e sale ricoperte da tetti. I suoi muri possiedono bassorilievi e pitture policrome che sembrano essere create da poco. La maggioranza degli ambienti, oggi protetti da tetti e provvisti di passerelle, puo’ essere visitata. Le facciate successive del tempio sono decorate con bassorilievi che rappresentano immagini di divinita’con bocche animalesche con denti canini e capigliature a forma di serpenti mostruosi con teste di uccelli acquatici.

Una simile divinita’ e’ rappresentata in piedi, ad un lato dell’entrata principale del complesso centrale, tra due serpenti con testa di condor che scivolano verticalmente ai suoi lati. Il coltello e la testa tagliata che sostine nelle sue mani indicano che questo essere soprannaturale esigeva vite umane in sacrificio.

Perù, le due…Machupicchu!

Chan Chan.

Con i suoi 20 km. quadrati, ChanChan, capitale dell’antico Impero Chimu, la citta’ di fango piu’grande del mondo, dichiarata Patrimonio Culturale dell’Umanita’ dall’UNESCO, e’ ubicata praticamente all’interno dell’attuale territorio della citta’ di Trujillo, e fu edificata tra il dodicesimo ed il tredicesimo secolo dell’epoca cristiana. Essa comprende palazzi, cimiteri, quartieri popolari, giardini e piattaforme usate per le cerimonie religiose, il tutto circondato da muraglie che in certi casi superano i tredici metri di altezza. Le pareti di adobes, caratteristici mattoni fatti di fango e paglia di antichissima origine e ancor oggi utilizzati, sono abbellite da altorilievi e da squisiti disegni geometrici e zoomorfi. L’argilla ottenne qui un singolare carattere artistico e la categoria di un complesso linguaggio, associato alla liturgia ed ai costumi delle caste dominanti.

Il complesso archeologico di ChanChan, situato presso la valle bassa del fiume Moche, praticamente lungo la spiaggia di Trujillo (Huanchaco), si sviluppo’ da un nucleo iniziale composto dalla cittadella Cayhuac e dalla piramide Il Fico, fino ad agglutinare un totale di dieci monumentali cittadelle. In particolare, le alte muraglie perimetriche e il labirinto di stanze situate intorno ad ampie piazze furono costruiti, con tutta probabilita’ per essere le dimore dei monarchi e dopo la morte di ognuno di essi, il corpo veniva sepolto in compagnia del suo harem e di un ristretto numero di membri della corte all’interno di una monumentale piattaforma, costruita alle spalle della residenza reale. I familiari ed il personale specializzato si incaricavano poi di raccogliere tributi e di mantenere in pieno funzionamento il palazzo, assicurando in questo modo il culto postumo del monarca .

In totale, si stima che durante l’epoca del suo massimo splendore, sia vissuta una popolazione di circa 25-26 mila persone, delle quali circa 10 mila erano artigiani e un sofisticato sistema di coltivazione con irrigazione constante cosi’ come le carovane di lamas, assicuravano un flusso costante di alimenti e di altre materie prime.

Come nelle necropoli egizie, artigiani e funzionari alloggiati in quartieri adiacenti alle sontuose ed imponenti costruzioni funerarie, si incaricavano di perpetrare il culto del sovrano, adorato durante secoli dopo la sua morte.

Perù, le due…Machupicchu!

Cusco.

Cusco è la capitale archeologica d’America e milioni di turisti visitano la regione esclusivamente per conoscere da vicino i suoi siti archeologici. Va ricordato che Cusco non è solo Machu Picchu, ma che nella zona ci sono molte altre testimonianze del passato splendore della città imperiale che meritano di essere visitate, come Q’enqo, Saksaywuaman, Pisac, Ollantaytambo, Maras – Moray…
La città di Cusco conserva orgogliosamente le testimonianze del proprio passato, sia incaico che coloniale; custodisce, inoltre, molti misteri collegati alle funzioni e alle tecniche ingegneristiche utilizzate dai “figli del sole” nella costruzione dei propri edifici: case, luoghi di culto, terrazzamenti, canali, sentieri

Perù, le due…Machupicchu!

San Blas.

San Blas è indubbiamente il quartiere più pittoresco e rappresentativo della città di Cusco, ed è il più indicato per una tranquilla passeggiata, grazie alle sue stradine pedonali, cariche di un’atmosfera magica, all’abbondanza di casone coloniali riccamente decorate e di scorci unici per delle magnifiche foto.

Il cuore turistico – pedonale di Cusco, ovvero la Plaza de Armas, trova la sua naturale continuazione nel quartiere di San Blas. Le due zone sono unite dalla via pedonale più frequentata di Cusco, nella quale si trova il bel palazzo arcivescovile, e sul suo muro, la famosa “pietra dai dodici angoli”. San Blas culmina nella piazzola in cui si trova la chiesa di san Biagio, e si caratterizza per le sue viuzze strette che salgono a zigzag tra belle casone coloniali costruite sopra robusti muri di pietra di precedenti edifici incaici del quartiere di Toqacachi. È conosciuto anche come “el balcón de Cusco”, grazie ai suoi balconi lignei intarsiati e decorati dai quali pendono bei vasi di geranei, come “Quartiere degli artigiani”, ma anche come “Quartiere degli artisti”, dal momento che ospita molti laboratori e studi di artisti popolari. Anche nel periodo incaico vi risiedevano i Mitimaes, artigiani dell’epoca portati a Cusco da ogni parte dell’impero con una missione: “yachay”, verbo quechua che significa “insegnare ed apprendere”. Ad esempio, quando gli inca entrarono in contatto con i Chimu, inviarono subito i migliori orefici a Cusco perchè insegnassero agli artigiani locali come realizzare le decorazioni per il tempio del sole. La struttura urbanistica incaica è stata ripristinata con la ricollocazione delle piccole canalette di scolo dell’acqua piovana al centro della strada.
Come ulteriore elemento distintivo, le vie presentano una doppia denominazione: in quechua ed in spagnolo, e richiamano, come precisato in precedenza, nomi di professioni o botteghe artigianali.

Perù, le due…Machupicchu!

Valle Sacra degli Incas.

Si trova nella regione di Cusco, in una posizione meno elevata rispetto alla città, ed è sicuramente una delle zone più suggestive, magiche ed affascinanti del Perù. È una successione di pittoreschi villaggi tradizionali, dei quali alcuni conservano delle splendide chiese coloniali, terrazzamenti e resti archeologici, così come estesi campi in cui viene coltivato il miglior mais del Paese (Mais bianco gigante).
È una valle alluvionale, formata dal fiume Vilcanota, che gode di un ottimo clima e delle migliori condizioni per gli insediamenti umani e per le attività agricole. Gli inca lo sapevano bene, infatti si stabilirono proprio in questa zona; inoltre, costituisce un ottimo punto per l’osservazione della Via Lattea, conosciuta dagli inca come Mayu o “fiume celeste”.
La visita delle cittadelle inca di pregevole fattura, come Pisac e Ollantaytambo, sono un ottimo complemento, nonchè a volte una valida alternativa da prendere in seria considerazione, all’ormai congestionata e molto esosa Machu Picchu.

Clima ed altitudine: La sua temperatura media oscilla tra i 15 e i 20 gradi centigradi, e l’altitudine è compresa tra 2.800 e 2.900 metri.

Dove si trova?
A 30 kilometri circa da Cusco, facilmente raggiungibile dal capoluogo attraverso una comoda strada asfaltata, che nell’ultimo tratto scende (dislivello di 600 metri) attraverso ampi tornanti.

Ollantaytambo.

Si tratta di una cittadella fortificata situata in posizione strategica per il controllo della capitale, Cusco, e delle vie di penetrazione alla foresta, ma allo stesso tempo è stato anche un centro religioso ed agricolo, di cui ci sono rimaste testimonianze architettoniche di strordinario interesse. Risulta essere uno dei più peculiari e sorprendenti parchi archeologici del Perù moderno, grazie alla molteplicità dei tipi archeologici che presenta e alla singolarità di ognuno di essi. Presenta sia una zona “nobile” che una zona destinata alle abitazioni più umili, dove ancora oggi vivono intere famiglie raccolte intorno ad un patio centrale.
Non si è ancora trovata spiegazione alle tecniche di costruzione impiegate nell’edificazione dei suoi enormi muri, eretti utilizzando rocce megalitiche a forma di poliedri irregolari. Ogni pietra lavorata è un’opera d’arte indipendente rispetto alle altre, con lati, angoli e volumi diversi.

Perù, le due…Machupicchu!

Machu Picchu.

È il “gioiello” più importante di una serie di 33 siti archeologici di primaria importanza che si trovano lungo il cosiddetto “Camino Inka”. Si trova a Nordest rispetto alla città di Cusco, tra le montagne di Vilcabamba, ad un’altitudine di 2.490 m sul livello del mare; quindi, contrariamente a quanto si crede solitamente, rispetto a Cusco, si scende.
Costituisce uno dei siti archeologici più importanti del mondo e rappresenta la principale destinazione turistica del Perù. Poche altre opere architettoniche dimostrano tanta armonia ed integrazione con l’ambiente naturale circostante come la cittadella nascosta delle Ande: è considerata, infatti, uno degli esempi più straordinari dell’architettura paesaggistica del mondo.

Sulla base di una votazione effettuata via-internet a livello mondiale, è stata di recente nominata come una delle sette nuove meraviglie del mondo.

Il complesso archeologico si trova arroccato sulla sommità di una montagna, Machu Picchu appunto (nome che in quechua significa montagna antica o montagna importante, ma l’esatta etimologia del nome è piuttosto discussa), e sorvegliato da un’altra montagna, Wayna Picchu (Montagna Giovane), nella cui cima si trovano altri resti archeologici.

Immerso in una foresta subtropicale, 400 metri sotto il complesso archeologico, scorre impetuoso (e a volte irruento, soprattutto nella stagione delle piogge) il fiume Urubamba, affluente del Rio delle Amazzoni. Le sue acque arrivano quindi, fino all’Oceano Atlantico.

In base alle più resentí teorie, la cittadella era sia un centro di culto e un osservatorio astronomico, sia la fattoria privata della famiglia dell’Inca Pachacútec.
È formata da due grandi aree: una agricola, fatta di terrazzamenti e recinti per il deposito di alimenti, e l’altra urbana, nella quale la zona sacra assume una grande importanza, con templi, piazze e mausolei reali lavorati perfettamente. Le scalinate e i canali di pietra sono una costante in tutto questo singolare sito archeologico.

Altitudine: 2.490 m s.l.m., prendendo come riferimento lo spiazzo principale del centro archeologico.

Clima: Il sito si trova in una zona sub-tropicale, con un clima caldo ed umido ed abbondanti precipitazioni, fattore che permette la crescita di una rigogliosa vegetazione dal caratteristico colore verde intenso. Spesso, soprattutto in mattinata, le montagne si trovano immerse tra uno strato di nuvole, elemento che rende l’atmosfera circostante ancora più magica. La temperatura oscilla tra gli otto gradi di minima e i 22 di massima. I mesi in cui si registrano le piogge più abbondanti vanno da dicembre ad aprile.

Perù, le due…Machupicchu!

 

Available
Not Available
Selected
Tour type: Daily Tour
Durata: 11 giorni
Numero massimo di partecipanti: 6
Località: Trujillo, Machupicchu, Lambayeque, Cusco, Archeologico/storico
Rate:
Departure date:
Data di Arrivo:
Adults:

Adult discount

# Title Number Discount
1Partec.45%
2Partec.67%
VISITERETE: Fortezza di Kuelap. Chachapoyas. Museo del Signore di Sipan a Lambayeque Chiclayo. Piramidi di Tucume. Trujilo city, Chan Chan, Huanchaco, Huaca del Brujo e museo Dama di Cao. Cusco City. Valle Sacra degli Incas. Pernottamento ad'Aguas Calientes e la meravigliosa Machupicchu. Tempo a disposizione a Lima.

Tour’s Program

Stampa

Un viaggio particolare in soli 11 giorni, ideato per conoscere 2 importanti e meravigliosi siti archeologici; in modo particolare per conoscere nella zona nord-orientale la fortezza di Kuelap, situata a Chachapoyas “ considerata la seconda Machupicchu del Perù “. L’altra cittàdella che visiteremo sarà la meravigliosa Machupicchu a Cusco. Un tour che si esegue con mezzi turistici e privati con visite individuali e ingressi inclusi “ no guide “ per quanto concerne il circuito nord. Un viaggio che offre l’opportunità di conoscere le incredibili e misteriose culture del nord Perù, attraverso percorsi spettacolari e siti archeologici di importanza mondiale. Il tour propone anche visite nella zona di Chiclayo, ove potremo ammirare l’importante Museo del Signore di Sipan e le Piramidi di Tucume. Nella zona di Trujillo visite individuali a Huaca del Brujo e Museo Dama di Cao. Visita della Huaca della Luna, Chan Chan e la zona coloniale di Trujillo. Nella parte sud andina, visiteremo la magica Cusco e i suoi più importanti siti archeologici, includendo la Valle Sacra degli Incas e un pernottamento in Aguas Calientes. Il tour propone anche un mattino libero a Cusco. Un tour che Vi permetterà conoscere meravigliose zone archeologiche con una certa indipendenza durante le visite proposte.
All’arrivo in Lima, un nostro incaricato sará ad’attendervi in aeroporto, esponendo una lavagnetta con il nostro nome e logo tipo per trasferirvi in mezzo privato all’Hotel designato, ” quello indicato nella lista che riceverete con grande anticipo. Cena libera e pernott.
N.B: Per coloro che giungono a Lima entro le ore 14.30, devono addizionare al somma di Usd 70 per la immediata disponibilità della camera doppia o matrim. Per la cam. tripla, Usd 90.
Colazione. Ad’ora opportuna trasferimento in aeroporto e volo per Jaen. Arrivo e trasferimento di circa 3.30 minuti in mezzo privato per la città di Chachapoyas. Arrivo e sistemazione in hotel. Tempo a disposizione per il pranzo e per conoscere la piazza principale e dintorni. Hotel. Cena libera e pernott.
Colazione. Ore 08.80 Partenza in mezzo privato con autista parlante spagnolo “no guida“ lungo una strada sterrata per raggiungere il punto di imbarco della funivia, situata a Tingo nuevo, nella provincia di Luya. Questa moderna funivia permette raggiungere il sito archeologico in solo 20 minuti “ attraverso uno scenario naturale favoloso “ Una volta giunti a destino, iniziamo una camminata di circa 30 minuti per raggiungere l’ingresso della seconda Machu Picchu del Peru “ Kuelap”. Visita individuale “ ingressi inclusi “ della cittadella fortificata. Il sito archeologico, eretto sulla cima di un monte a 3000 metri di quota, una stupenda testimonianza di questa cultura guerriera, i Chachapoyas “1000/ 1500 d.C.”. Pranzo libero. Dopo la visita rientro in hotel. Cena libera e pernott.
Colazione. Partenza alle ore 07.00 in mezzo privato con autista parlante spagnolo per Chiclayo, 32 mslm. Percorso su strada interamente asfaltata di 7 ore circa, attraversando diversi tipi di paesaggi. Pranzo libero lungo il percorso. Prima di sistemarci in hotel a Chiclayo, faremo una sosta per la visita individuale alle Piramidi di Tucume e il suo piccolo ma interessante Museo. Raggiungeremo la città di Chiclayo in circa 15 minuti. Arrivo e sistemazione in hotel. Cena libera e pernott.
Colazione. Alle ore 08.00 partenza in mezzo privato con autista parlante spagnolo”no guida“ per raggiungere la vicina cittàdina di Lambayeque per la visita “ingressi inclusi“ al Museo del Signore di Sipan. Dopo la visita partenza in mezzo privato con autista parlante spagnolo”no guida“ per raggiungere la città di Trujillo. Sul percorso faremo sosta per il pranzo libero e per la visita individuale, “ingressi inclusi” all’importante centro archeologico el Brujo ove troviamo la stupenda Huaca del Brujo. Visita del museo della Dama di Cao o mummia tattuata…secondo gli esperti cambia un pochino la storia dell’esclusivo comando maschile, gli studi proseguono. Riprendiamo il viaggio per raggiungere Trujillo e sistemarci in hotel. Cena libera e pernott.
Colazione. Alle ore 08.00 inizio escursione in mezzo privato con autista parlante spagnolo, ingressi inclusi” no guida “per conoscere la Huaca della Luna, una tra le meraviglie delle Huaca esistenti in Peru. Vista panoramica anche della Huaca del Sole, ancor oggi non visitabile. Successivamente ci dirigiamo alla cittàdella di Chan Chan l’antica capitale dei Chimù; considerata la più grande città del mondo costruita con mattoni di fango e paglia. Pranzo libero nel caratteristico balneario di Huanchaco, famoso per il suo salutare clima e per la pesca artigianale, eseguita ancor oggi con piccole canoe chiamate Caballitos de Mar. Pranzo libero. Rientriamo a Trujillo e tempo a disposizione per conoscere la sua bella zona coloniale. Una parte del giro all’interno della città si esegue passeggiando. Rientro in hotel. Cena libera e pernott.
Colazione. Ad’ora opportuna trasferimento in aeroporto e volo diretto a Cusco. Arrivo, trasferimento e sistemazione in hotel. Pomeriggio libero a Cusco per acclimatare il corpo al cambio di altitudine. Consigliamo qualche ora di riposo prima di iniziare qualsiasi attività. Dopo essersi riposati potete fare un giro nella bella piazza principale “Plaza de Armas” di Cusco. Hotel. Cena libera e pernott.
Nota: all’arrivo a Cusco, consigliamo un pranzo e cena leggeri. Consigliamo anche bere la famosa tisana di mate di coca da consumare non dopo e ore 17.00.
Info: per chi desidera, alle Ore 18.30 potrà assistere alle danze tipiche del Perú nel piccolo teatro del Centro Qosqo, situato in Avenida Sol. ingresso non incluso, ma si tratta di pochi soles.
Colazione. Mattino libero nella magica Cusco per conoscere la zona del quartiere di San Blas, famosa per la maestria dei suoi artigiani e per ospitare palazzi Incas. Consigliamo percorrere la stradina chiamata “Calle Triunfo“ ove potrete anche ammirare la famosa pietra dei dodici angoli. Seguendo il percorso potrete raggiungere anche la piccola e suggestiva piazzetta di San Blas. Coloro che desiderano potranno visitare il Museo Inka per conoscere ulteriori aspetti di questa grande cultura, ingresso non incluso.
Nel pomeriggio ore 13.45 ritrovo in hotel per l’inizio escursione della cittá in servizio sic di gruppo con guida parlante spagnolo/inglese. Visiteremo i più importanti attrattivi del centro di Cusco, includendo la Cattedrale principale in Plaza de Armas, il Tempio del Koricancha o Santo Domingo, visibile anche dalla strada principale di Cusco.” Avenida Sol”. Raggiungeremo di seguito le 4 importanti rovine circostanti della cittá per la visita e suggestiva camminata all’interno degli stessi siti archeologici; Sacsayhuaman, Kenko, Puca Pucara e Tambomachay. Rientro in hotel verso le ore 18.00. Cena libera e pernott.
Colazione. Alle ore 08.00 ritrovo in hotel per l’inizio escursione “ingressi inclusi“no guida” in mezzo privato di tutta la giornata con autista parlante spagnolo nella bellissima Valle Sacra degli Incas, situata a 33 km. da Cusco. Prima sosta al Mirador principale della Valle; da questo punto vengono scattate le foto che appaiono sulle riviste del settore. Successiva visita all’importante centro Archeologico, di Pisac che conserva vestigia Incas di grande importanza; considerato tra i 4 siti archeologici più importanti della regione di Cusco. Seguiremo la visita al tipico e famoso mercato Artigianale di Pisac che offre una gran varietà artigianale di ottima fattura. Dopo la visita proseguiremo per raggiungere la cittàdina di Urubamba per la sosta pranzo libero. Si riparte nuovamente per raggiungere in circa 30 minuti la impressionante fortezza di Ollantaytambo; ultimo avamposto a difesa di Machupicchu. La visita a questa enorme struttura sarà davvero suggestiva. Questo villaggio conserva molto del tempo Inca, in particolare il suo acquedotto e le case ancora originali nella classica base di pietra Inca e le sue piccole stradine impietrate. Successivamente ci trasferiamo alla vicina stazione dei treni e partenza in classe turistica Expedition per Aguas Calientes ” paese adiacente alla meravigliosa cittàdella di Machupicchu”. Percorso di circa 90 minuti. Arrivo e breve trasferimento a piedi in hotel. Cena libera e pernott.
Nota: in Aguas Calientes non ci sono mezzi. Sul treno sono permessi solo 5 kg. di bagaglio, portate con Voi uno zainetto con tutto il necessario per la notte. Il resto del bagaglio potrete lasciarlo nel deposito dell'hotel a Cusco. Il servizio custodia è gratuito.
Colazione. Ritrovo in hotel verso le ore 05.30 per il trasferimento a piedi alla stazione dei minibus che percorrono in 25 minuti i famosi 8 km di strada serpeggiante per raggiungere la magica cittàdella, situata a poco meno di 2500 mslm, per la visita con guida parlante italiano, disponibile per 2.30 h. ”ingressi e bus A/R inclusi”. Pranzo libero. Nel primo pomeriggio rientro in A. Calientes e partenza in treno per Poroy/Cusco o Ollantaytambo”secondo disponibilità treno”. Arrivo in prima serata e trasferimento in hotel. Cena libera e pernott.
Note: Sul Vostro biglietto treno di rientro, viene indicata l’ora di partenza, numero vagone e posto a sedere. I bus che da Machu Picchu scendono ad’Aguas Calientes sono molto frequenti…dovrete essere in stazione almeno mezz’ora prima della partenza del treno per Poroy/Cusco o Ollantaytambo. Vi forniremo la visita alla cittàdella nel turno del mattino. Consigliamo pranzare ad’Aguas Calientes.
Le guide a Machupicchu possono guidare solo 2.30 h. dopodichè continuerete la visita per conto Vostro. Nella eventualità che avrete il biglietto di ritorno fino al paese di Ollantaytambo; nostro personale sarà in stazione ad’aspettarVi per trasferirVi in mezzo privato all’hotel di Cusco. Il percorso impegna circa 60 minuti di viaggio.
N.B: RICORDIAMO L’ALLARME LANCIATO RECENTEMENTE DALLA UNESCO SUL LENTO MA CONTINUO SGRETOLAMENTO ANNUALE DELLA LA CITTàDELLA DI MACHUPICCHU. “raccomandiamo scarpe con suole di gomma morbida“.
Colazione. Ad’ora opportuna trasferimento in aeroporto per il rientro alla capitale peruviana, Lima. Arrivo in aeroporto e fine nostro servizio.
Nota: Nella eventualità che il Vostro volo sia nel pomeriggio o sera, potrete lasciare i bagagli nella zona custodia apposita “circa 4 soles l’ora per bagaglio“ e prendere un taxi ufficiale” circa soles 60 per rotta” e farvi portare nel centro storico di Lima e conoscere la sua bella piazza coloniale. Ricordate di rientrare in aeroporto “ ritirare i bagagli “ almeno 3.30 h. prima della partenza del Vostro volo.

FINE NOSTRO SERVIZO.
LA QUOTA DEL TOUR: Le due…Machupicchu, COMPRENDE:

Categoria alberghi 3 stelle standard in cam. doppia, matrim. o tripla ” specificare sistemazione camera ” Colazioni incluse tipo americane per tutto il tour. I pasti ove menzionati nel programma ” non tutti i pasti vengono forniti in albergo. Trasferimenti in servizio privato da o per aeroporto, alberghi, stazioni ferroviarie. Trasferimenti terrestri indicati con mezzo privato, auto o minivan. Le eventuali escursioni e trasferimenti indicati solo con autista parlante spagnolo, includono gli ingressi ma no le guide. Le escursioni menzionate nel programma in servizio sic si eseguono con guide parlanti spagnolo/inglese. Trasferimenti in treno classe expedition. Voli aerei interni inclusi. Ingressi alle zone archeologiche e siti indicati nel programma. Assistenza della nostra Organizzazione durante tutto il tour.

LA QUOTA NON COMPRENDE :

Volo intercontinentale. Assicurazione obbligatoria, minimo medico/bagaglio, consigliamo questo link: http://www.columbusassicurazioni.it/?COR=ITA
Tasse aeroportuali in Peru. Bevande, mance e quant’altro non espressamente indicato nella voce, LA QUOTA COMPRENDE.
Cat. Alberghi 3 stelle standard in cam. doppia, matrim. o tripla. Min. 2 partec

LISTA ALBERGHI PROPOSTI: i seguenti alberghi proposti, sono soggetti ad eventuali cambi secondo disponibilita degli stessi, con altri di medesima categoria.

Lima – Hotel Monte Real 3 stelle.
Chachapoyas: Hotel Xalca 3 stelle
Trujillo – Hotel Los Conquistadores 3 stelle.
Chiclayo – Hotel Casa della Luna 3 stelle.
Cusco – Hotel Atahualpa 3 stelle
A. Calientes – Hotel Killa Inn 3 stelle.
N.B: Per coloro che giungono a Lima entro le ore 14.30, devono addizionare al somma di Usd 70 per la immediata disponibilità della camera doppia o matrim. Usd 90 per la cam. tripla
Note tecniche: durante i trasferimenti verrà fornito un minivan turistico con autista parlante spagnolo che offrirà l’assistenza durante i percorsi terrestri.

Stampa

Tours Reviews

There is no review

Write a review

  • Sleep
  • Service
  • Location
  • Cleanliness
  • Room(s)

Ulteriori Proposti!

Programmi Economici

Viaggi per Vegani e Vegetariani